Hotel Metropole Monte-Carlo

Il primo assaggio dell’Hotel Metropole Monte-Carlo mi ha ricordato un giardino mediterraneo dell’Eden, proprio accanto al Casino de Paris, al Café de Paris, a molti negozi di lusso e giardini esotici nel cuore del Principato di Monaco. L’hotel ha conservato la sua eleganza senza tempo in un modo esclusivo ma senza pretese mentre trasportava il ricordo di magnifici momenti in tutta la sua storia di 130 anni. Come mi è stato detto in seguito, l’hotel è stato riprogettato nello spirito del loro ospite ideale – l’iconica attrice Audrey Hepburn.

La proprietà Belle Époque, situata in una zona glamour chiamata il Carré d’Or, ha un’entrata modestamente stretta di fronte al Jardins de la Petite Afrique. L’arco è protetto da due autentiche colonne egiziane dietro le quali si affacciano la bella facciata e una fontana augurante.

Dopo un giro in elicottero dall’aeroporto di Nizza a Monaco, il salone dei principi ha tenuto la testa tra le nuvole una volta entrato nell’edificio. Le quattro pareti della stanza mostravano il ritratto di uno degli ultimi principi di Monaco, e al centro brillava un lampadario, un pezzo sontuoso di quando l’hotel aprì per la prima volta le sue porte nel 1889.

La dimensione del salone era impressionante ed era isolata dalla vivace hall, dando un po ‘di intimità agli ospiti in arrivo. Celebrità come Patrick Dempsey, Jennifer Lopez e Rihanna a quanto pare lo apprezzano quando trascorrono del tempo a palazzo.

Inebriato dalla splendida atmosfera creata dal famoso designer Jacques Garcia, ero determinato ad avere il mio primo pranzo al bar della hall. In effetti, ha funzionato come uno dei quattro ristoranti dell’hotel ispirato allo “chef del secolo”, il compianto Joël Robuchon. Molti locali vengono qui come ospiti ogni giorno per godersi l’atmosfera speciale del “club” nel cuore del palazzo, incantato dal profumo caratteristico dell’hotel chiamato “L’Ambre du Népal”.

‘Con ogni raffica di vento, la farfalla cambia posto sul salice’

Accanto al design e alla cucina stellata Michelin, la hall aveva un’attrazione più insolita; l’hotel ha portato alla luce un progetto artistico chiamato “Metropole Moods” che si svolge proprio di fronte al gigantesco arazzo risalente al XVIII secolo.

Ogni quattro mesi viene realizzato un nuovo pezzo d’arte da un noto artista o designer. Questi progetti coinvolgono tutto lo staff, che fornisce dettagli armonizzati come un cocktail interno dedicato o una nuova creazione del team di cottura. Prima del mio arrivo, avevano appena installato un pezzo dell’artista giapponese Tsuyu Bridwell chiamato “Wish on a wing”. Era fatto di 15 mila pezzi di origami, molti dei quali a forma di farfalle.

Più avanti ho scoperto alcune comode poltrone rivestite di velluto circondate da dipinti italiani del XIX secolo e un’intera parete di scaffali che affondava sotto i libri della stessa epoca. (Tuttavia, si è scoperto che una parte del muro era, in effetti, una porta nascosta che conduceva ai servizi igienici e una piccola stanza con un telefono e un blocco per appunti come se fosse stato congelato in tempo all’inizio del XX secolo.) Questo era senza dubbio il posto migliore per assaggiare il dolce tipico della casa, una torta speciale fatta di limoni della vicina Mentone.

Mentre stavo indulgendo, ho scoperto un haiku scritto sulla tovaglietta sotto il mio piatto che diceva “Con ogni raffica di vento la farfalla cambia posto sul salice”. Ho subito capito che questa creazione giapponese aveva molto più a che la sua morbida bellezza illuminava la stanza. In Giappone, si crede che chiunque possa piegare un migliaio di gru origami riceverà un desiderio. I bambini giapponesi lo fanno spesso per augurare una pronta guarigione ai loro compagni malati, ad esempio, secondo il direttore delle PR di Metropole, Laurence Shukor.

Il tema giapponese è stato scelto per celebrare il decimo anniversario del primo ristorante giapponese di Joël Robuchon chiamato Yoshi, facendo parte delle quattro diverse ma complementari esperienze gastronomiche che l’hotel ha da offrire.

Robuchon ha lavorato regolarmente con l’Head Chef dell’Hotel Metropole Monte-Carlo, Christophe Cussac per reinventare costantemente piatti contemporanei e mediterranei, ha spiegato Shukor. Ero molto eccitato di provare più della loro cucina gourmet così ho iniziato con il ristorante Joël Robuchon Monte-Carlo quella sera. Mi sono trovato di fronte a una cucina aperta dove ho potuto seguire ogni mossa della squadra di cucina mentre preparavano la mia quaglia caramellata farcita con foie gras, accompagnata da puré di patate al tartufo.

Alla fine del pasto di quattro portate, ho sentito che i camerieri erano in grado di leggere la mia mente mentre i piatti apparivano proprio al momento giusto.

Molti dei miei commensali erano vestiti in modo formale, seduti su sedie di velluto color caramello circondate da colonne bianche e tende, eppure l’atmosfera del ristorante era sobria e accogliente.

Quando ho lasciato la stanza sono stato educatamente fermato e presentato con una torta meravigliosamente incartata, un regalo dato a ogni donna che lascia questo ristorante. L’idea alla base era quella di lasciare alle signore un ricordo della raffinata varietà di sapori che avevano gustato, da assaporare la mattina seguente.

Da Givenchy a Karl Lagerfeld

L’hotel è orgoglioso di fare scelte uniche e lavorare con i nomi più esclusivi. Quindi ecco uno dei tre centri Givenchy esistenti al mondo. Progettato dall’architetto Didier Gomez, il luogo presenta i colori iconici bianchi, oro e neri del marchio e migliora la calma e la quiete della serenità da un muro virtuale, che ricorda un giardino rigoglioso increspato dal vento. C’è una vasta gamma di trattamenti lussuosi e personalizzati.

Per celebrare l’apertura della spa l’anno scorso, l’hotel ha presentato la sua collezione di cocktail Givenchy all’Odyssey. Questo è il ristorante situato nella zona della piscina, ed è l’unico che Karl Lagerfeld abbia mai progettato. Il direttore creativo di Chanel e Fendi ha portato la sua visione a un’intera ambientazione “haute couture”.

Il concetto è basato sulla mitologia greca, che mostra un’immagine in stile affresco ripresa da lui e sviluppata su pezzi di vetro, raffigurante il viaggio di Odisseo sulla parete – e che riflette nell’acqua salata della piscina. Era il posto perfetto per un pranzo leggero, e il menu e le stoviglie avevano un sapore autentico dell’antica Grecia.

Atteggiamento verde e ospitalità speciale

Una delle mie caratteristiche preferite di questo hotel a conduzione familiare era il coinvolgimento di tutto lo staff in ogni decisione. Ad esempio, una delle idee di successo presentate dal comitato verde del personale li ha portati ad essere il primo hotel nel principato a vietare le cannucce di plastica. (In casi eccezionali, secondo il direttore delle pubbliche relazioni, servono cannucce di PLA, un materiale completamente biodegradabile). Questo è l’ultimo atto sotto la loro politica ecocompatibile chiamata “Green Attitude”.

Un altro campo in cui il coinvolgimento dei dipendenti è ampio, è la carità. Gruppi di dipendenti viaggiano regolarmente in Nepal per costruire scuole in associazione con un ente di beneficenza chiamato Namaste, supportato dall’hotel. L’hotel dona anche prodotti da bagno Hermes avanzati ai senzatetto della città.

Per tutto il tempo trascorso in hotel, sono stato tentato di testare ulteriormente le capacità dello staff accogliente chiedendo di organizzare una delle loro attività esclusive per me. Quale fare? Seguendo le orme di Grace Kelly? o l’esperienza GoldenEye? – Questi sono solo due dei programmi personalizzati offerti per gli ospiti che soggiornano all’ultimo piano nella suite Carré d’Or di 260 metri quadrati (costa circa € 8600 a notte).

In stabilimenti di altissimo livello come questo, sono addestrati al livello assoluto nel far sentire l’ospite come un reale. O in effetti, come Audrey Hepburn. Inutile dire che ho gettato una moneta sulla mia spalla nella fontana mentre uscivo, desiderando la possibilità di tornare un giorno.